> il mondo perfetto: settembre 2015

29 set 2015

Benny's video- Gli zombie di Haneke

Benny's Video è un capolavoro,pur giungendo a una certa stasi nel prefinale(la trasferta egiziana).E' un'opera seconda potente che sembra dire tutto e niente,appassionando lo spettatore in questa terrificante normalità.Che è poi il tema di tutti i film di Micheal Haneke,con la routine che viene assediata-ma mai sconfitta-dal lugubre,dall'orrore,dal pugno nello stomaco.

27 set 2015

Mommy

Altro che il morettiano Mia madre,buono per sbadigli modaioli.Questo avrei voluto scrivere.Questa era l'aspettativa prima della visione.Poi tutto si sgonfia e Mommy di Dolan è una nota dolente.Non basta uno schermo ridotto sotto i 4:3, che si apre a 16:9 qualche volta.L'originalità è altro.Il film richiama nelle cose migliori i vertici del cinema di Atom Egoyan,tra l'altro anche lui canadese.

26 set 2015

25 set 2015

Appunti iniziali per un film da intitolarsi "Luci della periferia"

Annamo le' hai rotto er cazzo sai che te dico?! Hai rotto er cazzo. Poi ce stanno quelli pieni de sordi..zeppi.
Ce credi che arrivati qui nun c'erano nemmanco li serci,me credi?Era tutta terra bruciata e merda de cavalli.
C'eravamo detti tutto e male,da tempo.Però Claudio continuava a parlare.E adesso?-continuo'- chi ce sarva eh?

19 set 2015

Silvana Corsini (nelle periferie mai sognate)

C'è quasi un baluginio.Nelle periferie mai sognate eppure viste,proprio perchè non le abbiamo sognate.Quelle di Accattone,e di Mamma Roma,di Paso,insomma.In cui visse la sua storia cinematografica Silvana Corsini,dopo quel dittico straordinario(ma i superfan recuperino pure Il carabiniere a cavallo di Lizzani,con Manfredi e De Filippo)eclissatasi per chissà quali vie della vita,delle cose,dei sogni,delle illusioni.

18 set 2015

Claudio Caligari,la rabbia atroce dell'ultimo innocente

Forse l'ultimo resterà sempre Pasolini a cui il film si richiama senza sbavature o mero citazionsimo:cosa da far tremare i polsi.E le cineprese.Ma certo è che nessuno ad oggi sa più maneggiare la materia bassa,ma bassa sul serio, come Claudio Caligari,la sua rabbia e la sua violenza disperata-perciò credibile,sia visivamente che dramamturgicamente-in un'opera innocente come tutti i capolavori(perchè di questo parliamo,prima di tutto)pregni di ferocia.

17 set 2015

Lezione serale di storia con 2 p38 tra le mani

Esterno notte, fuori da un cinema.L'autore presume che pure alla periferia parigina ci siano dei cinema d'essai.E da uno di questi sta uscendo il prof.di francese...

E' quasi giunto al suo portone quando le ragazze lo assalgono.Tom è a terra,preso a calci.La biondina,ormai acclarata leader del gruppo,tira fuori l'arma.

16 set 2015

Per certi sospesi tutto quello che serve è un pò di benzina

Silvye è a casa,abbracciata con il fratello,in un'afflato bertolucciano.Vengono a trovarla le ragazze della banda,che sembrano più cattive ed addirittura spietate.Nel guardarle dobbiamo pensare che queste  tipe tra qualche tempo saranno donne dentro a un carcere o,se gli andrà bene,dentro un Parlamento o un consiglio comunale.Per ora hanno in comune un perenne volto sfacciato.

15 set 2015

Uno schiaffo a volte salva la vita di chi non l'ha ricevuto

Interno giorno,aula di scuola

Vediamo Silvye che ride insieme a Charlotte e poi-stacco-insieme a dei compagni di classe.Charlotte legge alcune lettere di condannati della Resistenza.PP su un ragazzino che dorme,gli altri sono comunque visibilmente annoiati.

14 set 2015

Silvye parla come una fascista perchè lo è

Interno giorno, un commissariato della banlieu

Una ragazza sui diciannove anni,ma a guardarla bene negli occhi sembra più piccola.Tutto il suo discorrere avverrà con grande sarcasmo-ma questa è la sua forza,questa la sua incoscienza-sembra credere alla potenza delle parole o,almeno,delle sue parole.

11 set 2015

Via Veneto

E l'unica cosa che ricorderò
oltre alle due strafiche-
la bionda filiforme la bruna procace-
fu la bestemmia di un cameriere

Non faremo di te un ragazzo incolume

Esterno notte

Vaghe e indistinte figure calciano Tom,il prof di colore,l'amico e collega di Charlotte.Una strada come ce ne sono tante,solo più scura.In particolare,man mano che la camera si avvicina vediamo che le tipe della banda sono solo donne,hanno addosso un distintivo del fronte nazionale francese;

9 set 2015

Un giorno,un bacio e basta

Quel bacio rubato sulle panchine
e subito ricambiato
oppure quell'altro
ripreso in un attimo di stupore
in qualche cinemino di periferia

Il poeta deve decidere

Così,un po' enfaticamente,avevo intitolato-tutt'ora presente-una parte delle poesie civili,quelle più propriamente politiche.Ma davevro oggi è il tempo che ognuno non può più mancare l'occasione.Capire bene da che parte stare,senza trincerarsi nelle zone grigie,così cariche a tanta intelligencia,anche sinistrorsa.
L'intendimento,così recente, di non scrivere più di politica è quindi abrogato

6 set 2015

5 set 2015

Aylan Kurdi

Non sono più da queste parti
l'angelo custode è volato via
non ritorna indietro
non ha nulla da chiedere
nemmeno un pensiero a casaccio