> il mondo perfetto: Fasciste a Tulsa

29 mar 2018

Fasciste a Tulsa

La gamba. Mira alla gamba.
Quale la destra o la sinistra ?- chiese Charlotte
La gamba..le gambe.. tutte e due- rispose Marie.
Erano riusciti a immobilizzare la tizia, loro coetanea sui vent'anni occhi verdi, molto alta ma dal viso arcigno; la loro coetanea esponente del Partito Comunista Americano.
A me piace essere fascista- diceva Marie, che parlava poco.
Charlotte diceva che i negri si potevano sopportare ma i comunisti poi...
Erano lì ad ecstatizzarti, quando il faccione di Lucy Carbough era apparso in un telegiornale locale. La fellona, la merdosa la...fu tutt'uno, la loro indignazione pregna, con l'idea di farla fuori. O almeno torturarla. E poi prenderla a male parole. Rimandarla a casa con tutte le raccomandazioni, e anche qualcuna in più. Non si fidavano delle pistole. L'avrebbero ridotta a spizzichi e bocconi, una larva circoncisa di sangue, in poco tempo, con le loro sole mani.
E così fecero.
Dopo l'operazione la lasciarono davanti all'Oklahoma Surgical Hospital, senza un motivo particolare, solo che- rispetto al Saint Francis- aveva un nome più sfizioso.
Tornate a casa, come sovente accade per piccole e grandi imprese, passata la frenesia dell'atto, diventarono tristi. Charlotte interruppe il silenzio e disse: la nostra impresa fascia non può prosperare, dobbiamo trovare nuove adepte.
Perchè che le nuove leve dovessero essere ragazze, come loro, non avevano dubbi. Un maschio avrebbe rovinato ogni cosa; forse preteso di comandare o magari preteso di scopare (loro non erano lesbiche ma stavano bene così, e poi i tipi di Tulsa, a ben guardare, erano tutte zecche schifiltose che se la facevano con ragazze puzzaalnaso che leggevano Borges e avevano tipo tremila amici e più su facebook.
Charlotte interruppe il silenzio: E se chiedessimo a Susan e Elias ?
Chi ?- fece Marie, a cui i nomi non dicevano niente ma niente.
I figli del clown- rispose a testa alta, già fiera per quella sua idea, Charlotte.
Uhm- disse Marie.
Quando Marie faceva uhm era un no ammantato dalla timidezza.
Per esempio, quando abbiamo segato la gamba a quella stronza della Carbough..ecco, altre due mani ci sarebbero servite.
Uhm.. ma Susan ok ma Elias è un uomo.
Ma che uomo...è un ragazzino di sedici anni, che fa tutto quello che dice la sorella. Sopratutto dopo che il padre se n'è andato.
Marie cambiando discorso disse che se avessero tagliato una sola gamba a Lucy era meglio, perchè tagliandole entrambi non l'avevano resa zoppa. Una donna zoppa non è più una donna- sentenziò.
Però Charlotte già non la ascoltava. Pensava al profilo di Susan, alla magrezza diafana di Elias.
Chi non ha idee politiche è potenzialmente un fascista- buttò lì.
Poi si ricordò di quando da ragazzina andava al circo a vedere il padre di Susan. Scacciò subito quel pensiero molesto come si fa con le mosche morenti.