> il mondo perfetto: Un sentore di elettronica

29 nov 2017

Un sentore di elettronica


Hai le calze blu
che è come un sentore di elettronica
un giardino caduto di traverso
tra la tua gonna e la tua cinta
sei ancora una ragazza povera
e sempre lo rimarrai
così ti stringo la mano
come si apre un sarcofago
e ho paura delle cose cattive che
ti riesce così bene costruire
e io dovrò cercare proverbi
oppure cerotti per tacere
sopportando
le cose che succedono
tanto per succedere
senza ambizione o sfrontatezze
sei la donna che mangia un toast
che guarda la sua foto da ragazza
mentre mangiava un toast
e vorresti dirmi che da allora
tutto è cambiato
ma la realtà ti dice
che si è modificato soltanto
il colore dei tuoi occhi
e la qualità delle lenti a contatto;
non abbracci e non paghi
perchè sei la lucerna
che non è stata mai sviluppata.